ALBERTA, CHE PECCATO!

L’azzurra sfiora l’impresa contro Victoria Azarenka: avanti di un set e 4-0 nel secondo, subisce la rimonta della bielorussa e si arrende 6-7 6-4 6-2.

Be Sociable, Share!

Parigi – Peccato. E’ la parola che meglio sintetizza quanto accaduto stamane al Roland Garros, dove sul Philippe Chatrier stava per concretizzarsi una sorpresa che avrebbe avuto del clamoroso. Alberta Brianti, numero 105 del mondo, è andata vicinissima all’impresa: opposta alla numero uno Victoria Azarenka, l’azzurra è stata sconfitta 6-7 (6) 6-4 6-2. Resta forte il rammarico per la giocatrice emiliana, che era avanti 4-0 nel secondo set e ha sciupato due palle per il 5-0. Una prova comunque ammirevole per Alberta, che ha approfittato per larghi tratti del match di una Vika irriconoscibile.

Preview. E dire che, al di là delle considerazioni inerenti il ranking e la caratura dell’avversaria, il match di Alberta appariva già chiuso in partenza. La trentaduenne di Fontanellato non aveva mai battuto una regina Wta e, soprattutto, non aveva mai vinto un match a Parigi in quattro partecipazioni (2006, 2007, 2010, 2011); inoltre, l’azzurra non aveva mai strappato un set alla Azarenka nelle tre sfide precedenti. Insomma, una serie di “mai” che lasciavano sperare ben poco. Dal canto suo, Victoria giocava il suo primo torneo dello Slam da numero uno del mondo proprio in quella Parigi dove non è mai andata oltre i quarti di finale (2009, 2011).

Illusione Brianti. Si inizia con l’azzurra al servizio e Vika mette subito le cose in chiaro: dritto al volo da metà campo, rovescio incrociato vincente ed è subito break (a 15). Il ritmo impresso dalla bielorussa è forsennato e decisamente fuori dalla portata di Alberta, che prova invano a variare il gioco per imbrigliare la sua avversaria. Nel quarto game, però, la Azarenka gioca un game pessimo al servizio e la Brianti la punisce con un lob millimetrico che le vale il controbreak: 2-2. La parmense cancella poi una palla break e conquista il suo terzo game consecutivo portandosi avanti 3-2. Il match prende una piega assolutamente inaspettata: Victoria non riesce più a sfondare, perdendo la misura dei colpi e con essi la pazienza (tanto da beccarsi i fischi dell’inflessibile pubblico parigino quando scaglia la racchetta per terra dopo l’ennesimo gratuito). Un’altalena di break e controbreak porta Alberta a servire per il set sul 5-3 ma, ahilei, cede la battuta a zero. Nel gioco successivo la Brianti arriva al set point, ma la Azarenka piazza tre vincenti consecutivi (rovescio, dritto, smorzata) e la riacciuffa sul 5-5. Salvata una rischiosa palla break per il 5-6, l’azzurra trascina la numero uno al tie-break: dopo essersi portata sul 5-1, Alberta fallisce due set point sul 6-4 ma poi chiude 8-6 sul rovescio lungo della Azarenka (26° errore gratuito del set!).

Vika, all’inferno e ritorno. Le scorie del primo set si ripercuotono all’inizio del secondo parziale, quando la ventiduenne di Minsk cede a 15 il suo primo turno di battuta. Al di là dei notevolissimi meriti della Brianti, stupisce la scarsissima efficacia della bielorussa in risposta e la totale assenza di acume tattico: in una giornata in cui le bordate da fondo non funzionano, Vika dimostra di non avere un piano B e invece di provare a tenere lo scambio continua imperterrita ad affossare colpi su colpi. Risultato? L’ennesimo errore di rovescio consegna ad un’incredula Brianti il doppio break: 3-0. La bielorussa è completamente nel pallone e la sequenza di errori è impressionante: non c’è un sol colpo che tenga e all’azzurra basta ora semplicemente tenere la palla in campo. La Azarenka si risveglia a metà del secondo set quando, dopo aver annullato due palle break per il 5-0, comincia gradualmente a diminuire il numero di errori e inizia una rimonta che sembrava impossibile: cinque giochi consecutivi ed è 5-4. Tutto da rifare. Adesso il trend si è invertito: la Brianti non ne imbrocca più una e Vika ha acquisito calma e sicurezza. Un dritto a campo aperto consegna alla bielorussa il sesto gioco di fila e con esso il set: 6-4. L’inizio del terzo set è però sulla falsariga del parziale precedente perché la Azarenka è nuovamente vittima dei doppi falli e consegna alla Brianti il break nel game d’apertura, subito però recuperato dalla bielorussa. Nel sesto game arriva il break di Vika (a zero), ora padrona del match. Alberta cede di schianto e i giochi scorrono via velocemente a favore della bielorussa, che con un parziale di dodici punti a uno si aggiudica il set decisivo col punteggio di 6-2.

|
|
Be Sociable, Share!

Nessun commento a “”


  1. […] Per quanto riguarda le donne, è già nota la sicura assenza allo Slam parigino delle sorelle Williams (per saperne di più cliccate qui). […]

  2. […] programma di questo primo lunedì del Roland Garros 2011 (guarda la nostra preview su http://rolandgarros.tennis.it/2011/05/22/preview-del-lunedi-del-rg/), spicca la sfida che opporrà Richard Gasquet e Radek Stepanek, previsto come quarto ed ultimo […]

  3. […] stimolanti alcuni match sparpagliati per i campi minori. Oltre alla sfida tra Philipp Petzschner e Steve Darcis che analizziamo in dettaglio qui, ci intriga l’incontro tra Lucie Safarova e Julia Goerges. […]

  4. […] andare che a Djokovic-Del Potro, quarto match sul campo Philippe Chatrier, al quale dedichiamo un approfondimento a parte. Parliamo di una sfida che potrebbe ripetersi ad un livello ben più avanzato nei prossimi mesi e […]

  5. Roberto Bontempi ha detto:

    Ho sentito in un’intervista Bolelli darsi 8 come voto complessivo per il torneo… Mah, per me è un tantino eccessivo visto che aveva perso in quali ed ha servito per il set sia nel primo che nel terzo set con Murray senza vincerne nemmeno mezzo… Sarà che mi sono stancato di sconfitte onorevoli… Cmq sono molto contento che sia obiettivamente in ripresa

  6. Valentina Clemente ha detto:

    Fa parte del training psicologico, non si potrebbe mai dare un 6! 😉

  7. […] d’oro per raggiungere i quarti di finale del Roland Garros. Abbiamo dedicato un apposito approfondimento a questo incontro che potete leggere […]

  8. Luca ha detto:

    Ma Fognini ce la fa o no a giocare con Djokovic?

  9. […] ad eliminare Vera Zvonareva. Vista l’importanza del match, ad esso dedichiamo un apposito approfondimento sul nostro sito dedicato al Roland […]

  10. michele ha detto:

    ame disiace moltoche victoria azanenka stava preguendo bene in questo torneo di ronald garros la azarenka primo poi capitasse un aversaria che poteva mertere in difficolta azarenka io so che uscire da un torneo arrivata ai quati di finale la azarenka uscendo da questo torneo non e facile e la azarenka e uscito da questo torneo atesta alta io come tifoso dela azarenka sono sicuro che la azarenha si rifara al nuovo torneo dai azarenka non tela prendere telo il tifose michele soperte non estato facile uscire dal questo torneo ai fatto tanto fatica per niente alla fine tisovenuti iconti sbagliati sono sicuro al prosimo torneo celafarai i per sono sicuro che non eri conccentrato come le altre volte ame dispiace moltisimo che uscita dal torneo tirifarai al rossimo torneo ciao azarenka dal tuo tifoso michele non deludermi

  11. michele ha detto:

    sai maria sharapovo che scrive il tuo tifoso michele oggi misei iacuta moltisimo sei sceso il gampo che leatre volte molto concentra esicuro ditestessa io giocare con andrea petkovic non era facile alla fine aspuntarla sie stata tu oggi tu misie piacuta moltisimo perche alla petkovic il balletto che facerva ogni volta che vincese la petkovic glie lai fatto finire proprio tu qul balletto che sifaceva lei cioa maria sharapova dal tuo tifoso michele

  12. laurence ha detto:

    bravissima francesca sono francese ma sono una fan di lei. Non pratica il tennis ,MA mi piace di guardare grazie francesca merci pour se beau spetacle.

  13. […] Parigi 4 Giugno 2011 – Arriva alla fine la corsa del Roland Garros 2011. Come da consuetudine, l’ultimo atto è riservato alla finale del torneo di singolare maschile, che per la quarta volta metterà di fronte Rafael Nadal e Roger Federer, protagonista dell’eliminazione di Novak Djokovic, reduce da 43 successi consecutivi. Sarà la venticinquesima sfida tra di due campioni, un match dalle mille facce a cui dedichiamo un’anteprima qui. […]

  14. pierenrico arneri ha detto:

    ……spiace per Nole anche se avrà tempo per rifarsi. Federer si è guadagnato la finale con assoluta determinazione e merita di sfidare ancora una volta Rafa…..e vinca il migliore. Evviva il TENNIS, sempre.

  15. fausto ha detto:

    Tutto quello che volete, Ma djokovic è un’altra pasta di tennista rispetto a federer che sembra un ammasso buttatto sul campo e che solo da questo possa rinascere

  16. Emanuele ha detto:

    Ieri Tsonga ha incredibilmente recuperato contro un giocatore che solo per un set ha dimostrato di saper giocare… poi nulla. Oggi Brianti, con la partita già vinta smette di fare punti e permette all’avversaria agevolmente di ricuperare. Sempre di oggi la notizia che hanno arrestato un giocatore della lazio. Che il tennis e il calcio oltre che alla palla condividano dell’altro ???

  17. ector ha detto:

    ormai tutto è possibile,però se dobbiamo sempre pensar male forse è meglio fare dell’altro piuttosto che perdere tempo dietro allo sport

  18. […] alla vigilia dello scorso Roland Garros fu lei a dare la notizia della perdita sulle pagine dell’Equipe, con la promessa che quel vuoto sarebbe stato colmato dall’impegno che avrebbe profuso per […]

  19. christian ha detto:

    sara è una grandissima tennista.

  20. christian ha detto:

    vai sara contro la stosur puoi vincere

  21. giuly bocca ha detto:

    E meno male che Sara era sfarotita

    alla faccia!!!!!!! Evviva Sara e mi raccomando sotterra la sharapova, non ne posso piu’ dei suoi urli!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  22. Sarà errani ha detto:

    Grande sarà errani

  23. JULIET ha detto:

    Grande sarà errani suu